Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Come curare la pelle in inverno – 3/3

20 February 2017
Durante la stagione invernale la pelle soffre a causa del continuo sbalzo di temperatura. Diventa così importante rafforzare, proteggere e riparare la pelle. Ma come fare? Ecco le dritte di MH su come curare la pelle d'inverno.
Come curare la pelle in inverno – 3/3

3. Riparare la pelle

Dopo aver visto come rafforzare e proteggere la pelle – leggi qui come fare –, oggi vedremo insieme come riparare la pelle stressata dal continuo sbalzo di temperature invernale.

Il problema: freddo e vasocostrizione

Che cos’è la vasocostrizione?
La vasocostrizione è un meccanismo che permette all’organismo di mantenere stabile la temperatura corporea e di contrarre il calibro dei vasi sanguigni della pelle, che diviene pallida e più fredda ma non disperde più calore all’esterno.

Gli svantaggi
Il meccanismo di vasocostrizione non aiuta solo l’organismo a difenderti dal freddo, ma danneggia anche la pelle: la depaupera dal normale apporto circolatorio e riceve meno nutrimento dal sangue rallentando i propri processi. Si rendono così meno attive le ghiandole sebacee e si riduce la produzione di lipidi in grado di trattenere l’acqua.

La soluzione

Per fronteggiare nel migliore dei modi al meccanismo di vasocostrizione, devi prenderti cura della tua pelle soprattutto in inverno. Ecco come fare.

  1. Durante il giorno applica una crema per le mani che, soggette a un’azione di vasocostrizione, diventano fredde e screpolate.
  2. La notte utilizza delle creme nutrienti e lenitive in grado di riparare la pelle dallo stress ossidativo e ricostituire il suo normale equilibrio. Fai assorbire le creme effettuando un auto-massaggio al viso per distendere i tratti.
Continua a prenderti cura del tuo corpo con i consigli di Men’s Health qui su menshealth.it oppure ogni mese in edicola. #MensHealthItaly

A cura di Massimo Albini

© RIPRODUZIONE RISERVATA