Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

FATTI FURBO… ANZI, FUNGO!

26 November 2015
Fai scorta di funghi.
FATTI FURBO… ANZI, FUNGO!

Fatti furbo… anzi, fungo!

FATTI FURBO… ANZI, FUNGO!

64%La percentuale di uomini che non fa attenzione alle informazioni nutrizionali indicate sul menù dei ristoranti (quando presenti).

Fai scorta di funghi.
Oltre a essere gustosi infatti sono una miniera di vitamina D.
E la vitamina D è il miglior rimedio contro la demenza senile.
Lo rivela uno studio pubblicato su Neurology che ha dimostrato come gli ultrasessantenni partecipanti con un basso contenuto di vitamina D nell’organismo abbiano il 53% di probabilità in più di sviluppare in futuro la demenza senile.
La vitamina D aiuta a combattere le placche amiloidi, formazioni extracellulari del cervello collegate al declino delle funzioni cognitive.
Prendi una buona abitudine finché sei giovane e salverai il cervello da vecchio: assumi 15 microgrammi di vitamina D ogni giorno.
Oltre ai funghi, una buona fonte di vitamina D è il pesce, in particolare tonno e sgombri.

L’AVVOCATO DEL CIBO
L’imputato
Il glicole propilenico, un composto chimico utilizzato negli antigelo.
Lo si ritrova anche in prodotti come il condimento per le insalate.

L’accusa
Su internet i suoi detrattori sostengono che questo composto chimico possa provocare reazioni allergiche e danni ai reni.
Il verdetto Innocente. Il glicole propilenico che si trova in certi cibi non è lo stesso che si usa nell’auto. Inoltre nel cibo viene utilizzato in quantità così ridotte da non provocare veri effetti collaterali, lo dice la FDA (Food and Drug Administration), l’ente governativo americano per la regolamentazione dei prodotti alimentari.

Il latte contro il cancro
Bere il latte può salvarti il didietro. Letteralmente.
Una ricerca di Harvard infatti rivela che aggiungendo alla propria dieta il calcio derivato da prodotti caseari si aiuta a prevenire il cancro colonrettale. 600 milligrammi di calcio
in più (equivalenti a circa 2 tazze di latte) oltre ai 1000 milligrammi consigliati riducono del 16% il rischio di sviluppare questa malattia. Il motivo?
Il calcio blocca le mutazioni che favoriscono il cancro nelle cellule e nei geni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA