Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Sconfiggere il mal di schiena senza farmaci

8 febbraio 2017
Torna l’appuntamento con Ask, la rubrica dedicata alle domande dei lettori. Questa settimana vediamo insieme come curare il mal di schiena senza l’utilizzo di farmaci.
Sconfiggere il mal di schiena senza farmaci

La domanda dei lettori

Ho mal di schiena assillanti che vanno e vengono e non mi permettono di esercitare la mia passione: la bici. A volte, appena salgo in sella e afferro il manubrio, in particolare nella presa bassa, mi blocco. Cosa devo fare per risolvere questo problema? Ci sono degli esercizi specifici? (Giuliano)

L’opinione dell’esperto

La lombalgia aspecifica (conosciuta più semplicemente con il nome di mal di schiena) è la seconda causa, dopo la cefalea, di dolore nella vita. Ne soffre il 60-80% della popolazione, soprattutto tra i 40 e i 50 anni. Eppure, se non ci sono ragioni più serie, con alcune semplici mosse è possibile continuare a fare lo sport che si ama, come nel tuo caso il ciclismo. Nella maggior parte dei casi il problema è la mancanza di un buon tono muscolare del core, che dovresti rafforzare con un allenamento a corpo libero due volte a settimana. 

La soluzione

Potresti farti preparare un allenamento di core stability (utile per rafforzare la cintura lombo-pelvica) o frequentare un corso di yoga, che ti aiuterà a tonificare la muscolatura e a rendere la colonna vertebrale più flessibile, per non subire la posizione in sella e quindi prevenire patologie da sovraccarico. Poi potrai riavvicinarti alla bici facendo prima un test funzionale, che ottimizza la posizione in bicicletta e che aiuta a prevenire il mal di schiena. Ricordati di concludere sempre il tuo allenamento in bicicletta con lo stretching. Se invece ci sono cause differenti da quelle di una lombalgia aspecifica, un ottimo sport è il nuoto, che ti permette di allenare la muscolatura e l’apparato cardio-circolatorio anche in modo importante, e senza compromettere il tratto lombare. 

A cura di Davide Gemelli, Osteopata dello Sport

© RIPRODUZIONE RISERVATA